martedì 27 novembre 2012

Teaser Tuesdays #30



Teaser Tuesdays  è una rubrica ideata dal blog Should Be Reading. Consiste nel prendere il libro che si sta leggendo, aprirlo in una pagina a caso e condividere un passo tratto da quella pagina. Io, però, ho deciso di non seguire la regola della "pagina a caso", ma sceglierò la citazione personalmente (senza fare spoilers, promesso!).

Buon pomeriggio! Ecco il teaser di oggi...
Mio padre era un ragazzo di ventinove anni quando io ne avevo sei. Lavorava all'Enel, che da lontano sembrava una nave da crociera spaziale. Si vantava di un sacco di cose finte, come per esempio tutti quei viaggi improbabili, di cui non esisteva neanche mezza fotografia. O le donne che mi raccontava, e io mi accorgevo che le stava dicendo per la prima volta anche a se stesso. Intanto gli spalmavo la crema sulla schiena. Carne grassa, unta. Mio padre aveva preso i funghi nello spogliatoio del lavoro, diceva. Delle macchioline bianche, a fior di pelle. Mente lui parlava, io mi chiedevo se per caso le stavo prendendo anch'io, quelle macchie. Mi chiedevo per quale motivo mio padre non si ponesse questo problema. Finivo, e stavolta lui era stato in Afghanistan insieme ad altri amici del paese, a diciannove anni. Peccato che di quel periodo esistessero solo delle polaroid che lo ritraevano in uniforme a Cuneo. Mio padre diceva spesso che non c'è niente di più triste di quelle persone che leggono un sacco di libri, immaginando di vivere le storie di altri, per non vivere la propria.

[da Le nostre assenze di Sacha Naspini, pag. 15]

Voi invece cosa state leggendo di bello? Se vi va, lasciate il vostro teaser nei commenti! Buone letture! :)

13 commenti:

  1. La sveglia suonò alle 5 e mezzo e Robert Neville allungò, nell'oscurità mattutina,un braccio intorpidito e la fece tacere.
    cercò le sigarette e ne accese una,poi si sedette.Dopo pochi istanti si alzò e si diresse verso il buoi soggiorno e aprì lo spioncino della porta.
    fuori sul prato,le scure sagome si stagliavano come silenziose sentinelle.
    mentre li guardava,alcuni di oro cominciarono ad allontanarsi e li udì mormorare insoddisfatti.Un'altra notte era trascorsa.
    R. Matheson. Io,sono leggenda.
    sto recuperando terreno con la fantascienza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, che bello! Devo recuperarlo anch'io!!

      Elimina
  2. Questa teaser è stupenda! Mi segno il titolo allora...

    La mia?
    "L'ordine casuale del mondo, il calcolo delle inimmaginabili probabilità di ogni singola condizione continuano a incantarlo. Già da bambino, specie dopo la tragedi di Aberfan, non ha mai creduto nel destino o nella provvidenza né nell'idea che il futuro fosse nelle mani che il futuro fosse nelle mani di un abitatore dei cieli. Al contrario, in miliardi di miliardi di futuri possibili in ogni istante; i capricci del puro caso e delle leggi fisiche gli parevano libertà a confronto delle macchinazioni di un dio minaccioso."
    (Sabato - I. McEwan, p. 134)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Urca, mi hai ricordato che ho un paio di libri di McEwan da leggere da mesi! Devo rimediare!

      Elimina
  3. Ciao Matt!
    Come sta andando la lettura di Benjamin Button?
    Io l'ho terminato ieri sera....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Clody! Non l'ho ancora letto, ma conto di farlo entro questa settimana, tanto è brevissimo... non ci metterò molto. ;)

      Elimina
    2. è vero, si legge in un pomeriggio!
      ok, aspetto poi il tuo commento allora ;-)

      Elimina
  4. Ho visto che hai ricevuto "Across the universe", io l'ho finito nel week-end e mi è piaciuto un sacco! Originale e avventuroso ;)
    Ti lascio un teaser tratto dal libro (pag. 113):
    "Eldest mi fulmina con lo sguardo. Sbatte il fermacarte sulla scrivania del dottore, ma non nello stesso posto in cui si trovava originariamente. Le mani del dottore hanno un fremito come se il poveretto fosse impaziente di metterlo al suo posto, ma si trattiene.
    "A questo scopo" continua il vecchio "non posso permettere che niente porti scompiglio nell vita della mia gente. E tu sei causa di scompiglio."
    "Io?"
    "Tu. Tu non hai il nostro stesso aspetto, non parli come noi e non sei una di noi.""

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello!! *_* Sarà una delle mie prossime letture!

      Elimina
  5. Ciao seguo da poco il tuo blog, mi piace molto!
    Ti lascio il mio Teaser:
    Pallavi Aiyar "L'incredibile storia di Soia e Tofu" p. 43:
    Ora capivo cosa intendeva Madam Wang quando aveva parlato della mia grande yunqi.Era vero, Mr e Mrs A erano i ren migliori del Mondo, sempre gentili e pazienti anche se non ero brava a comunicare con loro.
    E poi in casa c'era tanto di quel cibo che non riuscivo mai a finire la mia razione. Se la sbafava Soia, e io lo lasciavo fare, un po' perché così era contento e un po' perché non ero abituata ad avere lo stomaco pieno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, mi fa piacere! Benvenuta :)
      Non conosco il libro che hai citato, ma mi informerò!

      Elimina
  6. Ma... ma... è bellissimo *_*
    L'ultima frase... :*

    RispondiElimina
  7. ecco il mio teaser http://themydiarysecret.blogspot.it/2012/11/teaser-tuesdays-2.html

    RispondiElimina